Charles Burns

Charles Burns, nato nel 1955 a Washington, è tra i capiscuola della scena indipendente statunitense e uno dei maestri del fumetto contemporaneo internazionale.

Nel mondo del fumetto esordisce e si fa notare grazie a “Raw”, storica antologia diretta da Art Spiegelman. Successivamente aderisce anche al progetto bolognese dei Valvoline Motorcomics (composto da Brolli, Carpinteri, Kramsky, Igort, Jori, Mattotti), che coincide con un periodo di permanenza in Italia grazie al quale pubblica sulle riviste “Frigidaire”, “Alter Alter”, “Dolce vita”, “Fuego”.

Dopo la realizzazione delle storie raccolte nei volumi “Big baby”, “Skin deep”, “El Borbah”, dal 1991 per undici anni si dedica quasi interamente alla realizzazione di Black Hole, producendo il graphic novel unanimemente riconosciuto come uno dei capolavori dell’ultimo ventennio. La storia fotografa la vita, le relazioni, i pensieri, le paure, di un gruppo di adolescenti di provincia, in una lunga estate lisergica degli anni Settanta.

Charles Burns che ha realizzato illustrazioni per riviste come “Time”, “New Yorker”, “New York Times Magazine”, è il copertinista di “The Believer” che con “McSweeney’s” è una delle riviste fondate da Dave Eggers, all’interno delle quali hanno scritto la maggior parte dei più influenti scrittori americani contemporanei.

Visualizzazione di tutti i 2 risultati