Emilia Romagna Mamma – Maternità surrogata, Serena Marchi: “Le donne lo fanno per scelta”

“Madre? Quale madre? Io non sono la loro madre. Io li porto solamente dentro di me per nove mesi. I genitori sono quelli che li cresceranno giorno dopo giorno. E poi quali traumi avrebbero rispetto ai miei figli, ai figli adottivi, ai figli affidatari, ai figli non desiderati, ai figli abbandonati? Sono desiderati, amati, coccolati, […]

Continua a leggere


La Repubblica: Utero in prestito, in un libro-inchiesta la voce delle donne sui perché della (libera) scelta

C’è chi lo fa per soldi e chi per altruismo, chi per amicizia e chi per tutti i motivi insieme. E non vogliono essere chiamate ‘madri surrogate’, perché “essere madri significa crescere e amare un figlio, non solamente partorirlo” di SILVANA MAZZOCCHI Maternità surrogata, madri che partoriscono per altri. Una scelta che divide, un argomento […]

Continua a leggere


Discorsivo: Goodbye Marilyn, intervista a Francesco Barilli

Goodbye Marilyn è il graphic novel che BeccoGiallo ha dedicato alla vita di Marilyn Monroe, per provare a scoprire la donna «sotto la buccia del mito». Nel corso di un tour in tutta Italia, giovedì 16 marzo il fumetto sarà presentato al Supercinema di Santarcangelo di Romagna (Rimini) nell’ambito della rassegna Votes for women! Per […]

Continua a leggere


Marie Claire: La libertà dell’utero in affitto e della maternità surrogata

Ho pensato molto a come approcciare questo argomento. E, alla fine, ho deciso di entrarci da me. Perché è difficile stare fuori dalla questione quando si parla di maternità. La prima cosa che ho dovuto fare leggendo Mio tuo suo loro. Donne che partorisco per altri di Serena Marchi (Fandango), un viaggio tra le donne […]

Continua a leggere


Smokyland: SETH e la malinconia canadese

Ritornano le splendide interviste realizzate dall’amico scrittore ed esperto di Fumetto Koom Kankesan, che ringrazio sentitamente per l’autorizzazione alla traduzione, su questo fumoso spazio, di materiali così preziosi. Questa volta, dopo Chester Brown, è il turno di un altro straordinario canadese, SETH, autore della personalissima poetica e dal segno volutamente rétro che inevitabilmente lascia un […]

Continua a leggere


Vanity Fair – Yvan Sagnet: «Lavorare nei ghetti è come vivere nei campi di concentramento»

Un incendio nel “Gran Ghetto” di Rignano Garganico, due migranti morti all’interno di una delle più grandi baraccopoli d’Italia, dove a comandare è il caporalato. Ne abbiamo parlato con Yvan Sagnet, tra i primi a guidare le rivolte dei braccianti nelle campagne pugliesi «Lavorare nei ghetti è come vivere nei campi di concentramento», a parlare […]

Continua a leggere


Coreonline.it: Effetto Gipi

A Casetta Rossa, in occasione della presentazione dell’ultimo lavoro del disegnatore pisano, una panoramica della storia collettiva del fumetto italiano «Dove sono cresciuto io, se qualcuno ti chiamava poeta come minimo gli davi uno schiaffone». Venerdì scorso Gianni “Gipi” Pacinotti ha conquistato un’affollata Casetta Rossa alternando arguzia pisana, memorie personalissime e riflessioni d’artista nel corso […]

Continua a leggere


ABCina: Marco Polo, la via della seta. Intervista a Marco Tabilio

Dopo aver letto il libro a fumetti di Marco Tabilio: Marco Polo. La via della seta, ho chiesto un’intervista all’autore. Oggi devo fare un po’ di confessioni… prima di tutto, nonostante sia laureato in Cinese non ho mai avuto l’occasione di leggere il Milione di Marco Polo e Rustichello da Pisa. Recentemente ho avuto occasione […]

Continua a leggere


Convenzionali: Nicola Ravera Rafele e il bisogno di crescere

Nicola Ravera Rafele ha scritto un gran romanzo, Il senso della lotta: Convenzionali ha il piacere di intervistarlo per voi. Quello che mi pare essere il tema fondamentale del libro è il problema della verità, e del ruolo della conoscenza della verità nella formazione della propria identità. Io volevo da tempo scrivere un libro sul […]

Continua a leggere


Parole Fertili – Oltre le storie: intervista a Serena Marchi

Lo spazio di oggi della rubrica #oltrelestorie è dedicato a Serena Marchi, autrice del libro “Madri, comunque”, trenta testimonianze sul modo di essere mamma oggi.   Ciao Serena, il tuo libro “Madri, comunque”, edito da Fandango, raccoglie trenta storie, alcune sofferte e altre felici, di trenta modi di essere o non essere madri. Cosa ti […]

Continua a leggere


Quotidiano.net: Leda, l’anarchica musulmana che amò Mussolini

Attivista anarchica di fede musulmana, ma anche proto-femminista, Leda Rafanelli ha attraversato il Novecento italiano vivendo molte vite. Un graphic novel pubblicato da Coconino-Fandango riscopre un personaggio storico originale e ormai dimenticato Anarchica, musulmana, proto-femminista. Tre caratteristiche in palese contraddizione l’una con le altre. Non è facile cogliere l’essenza di Leda Rafanelli, scrittrice e attivista politica che ha […]

Continua a leggere


Mangialibri: Un caffè con… Luca Baldazzi

Luca Baldazzi cura l’ufficio stampa della casa editrice Coconino Press, specializzata in romanzi a fumetti di autori nazionali e internazionali. Comincia la sua carriera da giornalista alla “Gazzetta di Mantova”, poi all’agenzia di stampa Redattore Sociale e nella redazione di Bologna de “L’Unità”. Libri e fumetti sono una sua passione da sempre. Circa otto anni […]

Continua a leggere


Il Libraio – Gipi si racconta: “Non voglio indicare cosa è bene e cosa è male”

“Fondamentalmente scappo via da ogni possibile intenzione di ‘dare un messaggio’ o di indicare cosa è bene e cosa è male. Per me, nella storia era importante solo il desiderio dei ragazzi, la loro naturalezza, e l’amore del padre”. Gipi racconta a ilLibraio.it “La terra dei figli”, il suo ultimo romanzo a fumetti. E a […]

Continua a leggere


Minima & Moralia: Quello che succede in Turchia. Intervista a Pinar Selek

«Quando, ogni lunedì mattina e ogni venerdì pomeriggio, ci mettono in riga come soldati, mi rifiuto di cantare l’inno nazionale piegando ostentatamente le ginocchia. Stringo le labbra mentre i miei compagni cantano a squarciagola: “Che la mia esistenza sia dedita alla nazione. Felice chi si dice turco!”. Rifiuto tutto ciò che mi ricorda l’uniforme. Sono […]

Continua a leggere