A modo mio, Alex Sanchez

“Lance, in realtà pensa di essere democratico in tema di uomini, è attratto da tutti i generi di ragazzi: ispanici, bianchi, afroamericani, asiatici …” (Pag. 6)

Le prime storie di Alex Sanchez erano ambientate nell’High School americana, ma il mondo muta e per lo scrittore sembra evolversi positivamente, segno di una maturazione importante.
I primi romanzi dello scrittore ispanico erano dei veri drammi, dei sofferti coming out, storie complesse, relazioni scolastiche difficili, fino a culminare in pestaggi e violenze.
Le scuole hanno subito una trasformazione: i ragazzi gay competono per i coming out più fantasiosi, i compagni etero sono orgogliosi di avere degli amici omosessuali e considerano retrogradi i loro predecessori con i loro stupidi insulti.
Questo cambiamento vale per tutta la società, sia per le ricche scuole private sia per i licei popolari.

Recensione di Roberto Matteucci

Continua a leggere su Solo Libri