La Repubblica – “Scheletri Gialli”: l’arte postmoderna di Carpinteri alla galleria Hde

L’inaugurazione con l’autore il 22 aprile

Quando si parla di arte postmoderna applicata al fumetto, alla grafica e ai generi narrativi, è il nome stesso di Giorgio Carpinteri a sintetizzare il concetto.

Bolognese, classe 1958, formatosi al DAMS negli anni in cui il capoluogo emiliano costituiva una fucina di idee e talenti artistici, Carpinteri è stato uno dei membri fondatori – assieme a Igort, Daniele Brolli, Lorenzo Mattotti, Jerry Kramsky e Marcello Jori – di Valvoline Motorcomics, gruppo avanguardista votato alla contaminazione pop dei linguaggi e dei generii  partendo proprio dal mondo della narrativa disegnata. Da lì, le esperienze in Rai, dove i suoi progetti grafici ed elettronici caratterizzavano i programmi situazionisti diretti da Carlo Massarini (come lo show “Non necessariamente”), ma anche molti spettacoli da prima serata rivolti al grande pubblico. I suoi panel in movimento hanno perfino funto da scenografia per i concerti dei Duran Duran.

Negli anni Novanta, l’artista ha poi proseguito il suo percorso di illustratore per giornali e riviste, tornando alla TV con l’avvento del nuovo secolo, quando, affascinato dalle potenzialità offerte da una Web nella sua prima fase di crescita (“Oggi, invece, anche la Rete si è imbolsita, offrendo assai meno stimoli”, ha affermato in un’intervista) ha contribuito a ideare format utilizzati da Rai 5 (“Ubiq”, “Top 5”) e Rai Storia.. Progetti pionieristici che prevedevano – prima ancora che diventasse di moda, diffondendosi in maniera capillare e scontata – l’impiego simultaneo di videomaker situati ai quattro angoli del globo.

Continua a leggere su La Repubblica


polsi-sottili

Titolo: Polsi sottili
Autore: Giorgio Carpinteri
Collana: Valvoline
Pagine: 76, colore, cartonato
ISBN: 9788876182402