“Le avventure rocambolesche” di Larcenet recensite magnificamente su “Il Messaggero”

“I libri di Larcenet sono da tenere sul comodino per sfogliarli ogni tanto, ma anche da custodire in libreria come fosse una collezione di volumi d’altri tempi. Ridere di gusto e riflettere sulla quotidianità del nostro mondo. Un po’ Monty Python un po’ pensiero lacaniano. Verità, critica, decadenza, divertimento: tutto nella stessa tavola.”

Freud, Attila, Van Gogh, Robin Hood: riscoprire le biografie rocambolesche di Manu Larcenet
27 Febbraio 2019 di Nicolas Lozito

C’è un detto che a sentirlo la prima volta pare essere vero. Dice: a piangere si può essere da soli, ma a ridere bisogna sempre essere almeno in due. Ecco: è falso, e ho le prove. Per l’esattezza, cinque prove.

Sono le “avventure rocambolesche” del fumettista francese Manu Larcenet, pubblicate per la prima volta in Italia da Coconino Press nell’ultimo anno. Cinque, appunto, dedicate a cinque personaggi storici: lo psicologo Sigmund Freud, il pittore Vincent Van Gogh, Attila il conquistatore, Robin Hood e il Milite ignoto. Spassose, dirette, spietate. Divertenti, fino a che le risate davvero si fanno sentire.

Non fatevi confondere dalla parola biografia: per Larcenet i personaggi sono il pretesto per prendere la storia e ribaltarla completamente, ricostruendola con ironia e critica socio-politica. Insomma, non è la storia del mondo a fumetti. [continua…]


Le avventure rocambolesche di Manu Larcenet