Lo Spazio Bianco – Il fumetto racconta la realtà: 10 anni di Becco Giallo – Cremona

Una mostra per raccontare come nasce un fumetto di realtà: tre sezioni comprendenti originali, riproduzioni, documenti e tutti i volumi pubblicati dall’editore. Un’interessante retrospettiva che mette il luce felici collaborazioni del cfpaz, anello di congiunzione fra diversi autori e realtà italiane.
Il fumetto racconta la realtà rimarrà aperta fino al 20 marzo 2016.

In occasione della mostra abbiamo intervistato Michele Ginevra, coordinatore del Centro Fumetto Andrea Pazienza.

Buon giorno Michele, grazie per la tua disponibilità. Prima di parlare della mostra in sé vorrei ci raccontassi da cosa è scaturita la decisione di dar vita a questo progetto: com’è nata l’idea di una retrospettiva sui dieci anni della casa editrice e quali collaborazioni ha messo in atto?

Il Centro Fumetto “Andrea Pazienza” ha nelle sue finalità la promozione del linguaggio del fumetto, la valorizzazione delle opere e dei rispettivi autori. L’esperienza di Becco Giallo si presenta con profili di originalità assai significativi: il racconto della realtà, l’impegno civile, l’attenzione agli autori emergenti… Becco Giallo era già da tempo nel nostro mirino, come del resto anche altri editori che hanno fatto grande il fumetto italiano. Dopo aver celebrato i cinquant’anni della rivista linus, si è subito creata l’occasione per realizzare un’altra mostra ed eccoci qua! Questa scelta ha comportato anche una relazione particolare con gli autori. Proprio per le tematiche impegnate promosse dall’editore veneto, capita di solito che siano gli autori a proporre propri progetti e a spendersi in prima persona anche nella promozione dei libri. Molti di questi autori li avevamo già coinvolti in precedenti iniziative e progetti (come Futuro Anteriore, in collaborazione con il festival Napoli Comicon). Alcuni hanno addirittura esordito proprio sulle nostre pubblicazioni. La loro partecipazione è stata importante. Uno di questi, Francesco Barilli, ha addirittura collaborato alla sua progettazione. E Gianluca Costantini ha realizzato la splendida immagine che avete potuto tutti apprezzare sul manifesto della mostra.

Continua a leggere su Lo Spazio Bianco


beccogiallo-home