Syncro: i romanzi in cui i tuoi sogni si avverano

I libri di Syncro-High School sembrano i gemelli separati alla nascita del nostro Le cose cambiano, perciò bisogna proprio che ve ne parliamo, nel caso in cui non li abbiate già letti tutti.Li pubblica ormai da parecchi anni Playground, casa editrice che da sempre presta particolare attenzione alla letteratura gay e lesbica; ma solo recentemente Syncro è diventato un marchio a sé. Perché in effetti ha un pubblico diverso da quello di Playground e fa qualcosa di speciale che in Italia nessun altro fa: pubblica narrativa gay rivolta ai lettori giovani, a quelli che hanno più bisogno in assoluto di leggere storie d’amore tra persone dello stesso sesso, quelli che setacciano le biblioteche e il web alla ricerca della materia prima con cui costruire il proprio futuro: i modelli, le possibilità contenute nei libri, nei film, nelle serie tv e nelle testimonianze di chi ha vissuto esperienze simili prima di loro.

I romanzi di Syncro raccontano – senza esagerate pretese letterarie – le storie di ragazzi alle prese con primi amori, solitudini, amicizie e coming out, provenienti da tutto il mondo: tra gli autori più forti della serie ci sono gli americani Alex Sanchez, con la sua trilogia liceale Rainbow Boys, Rainbow High, Rainbow Road, e Nick Burd, con il delicato e ambizioso Gli sconfinati campi della normalità, ma sempre più spazio viene dedicato alle vicende ambientate in paesi europei con un contesto sociale e politico per certi versi più simile a quello italiano, come Croazia, Romania e Grecia.

È proprio dalla Grecia che viene il primo libro di Nikos Petrou, la più recente uscita di Syncro, che abbiamo appena finito di leggere, Greco Moderno. È la storia di Vasilis, uno studente universitario di Salonicco che all’inizio del romanzo è in balia di una specie di fidanzato clandestino più grande di lui (che però ha anche una fidanzata) e non ha ancora rivelato di essere gay né ai suoi coinquilini né ai suoi genitori. Naturalmente, essendo un vitale canto di prime volte e di liberazione, molte cose cambieranno per lui nel giro di queste spassose duecento paginette. Che oltre a essere un allegro viaggio nella vita quotidiana di un personaggio gay molto accattivante, sono anche un bell’affondo nel clima della Grecia contemporanea, boccheggiante per la crisi economica ma fremente come non mai di entusiasmo e consapevolezza politica da parte dei giovanissimi. Il più rivoluzionario dei quali, il “Che Guevara di Salonicco”, provocherà reazioni incendiarie anche nella vita di Vasilis.

Per raccontarvi meglio quali sono le intuizioni e le intenzioni dietro questa coraggiosa e importante idea, abbiamo intervistato Andrea Bergamini, il direttore editoriale che si è inventato prima Playground e poi Syncro High School, e ne abbiamo approfittato anche per chiedergli qualche consiglio di lettura.

Continua a leggere su lecosecambiano.org


synchro