Varese News: Beccogiallo, l’impegno del fumetto civile

Alla ricerca di un linguaggio per parlare ai più giovani, la casa editrice si è rivelata un piccolo caso fin dalle origini. Tra memoria e cronaca, lungo la storia d’Italia

Di tanto in tanto, in corrispondenza degli anniversari, compare sui giornali qualche articolo sulla competenza dei ragazzi sui fatti storici, di quelli che si aprono con un titolo definito “shock”: perché spesso alcune delle risposte “svelano” che la strage di piazza Fontana è stata opera delle Brigate Rosse o che la bomba a piazza Della Loggia è stata messa dagli anarchici. È anche partendo dall’idea di contrastare questa confusione che è nato Beccogiallo, il primo editore di fumetto d’inchiesta e della memoria: «Alla domanda sugli autori della strage della stazione di Bologna del 1980, rispondevano che erano state le BR o i libici» racconta Guido Ostanel, uno dei due fondatori (insieme a Federico Zaghis) della casa editrice. «È stato lì che ci siamo chiesti quale linguaggio usare per avvicinare i ragazzi».

Continua a leggere su Varese News


becco-giallo

I libri BeccoGiallo nel nostro catalogo